Provincia di Reggio Emilia
accessibilità

Seguici:

Feste di Natale al via a Cavriago con il mercatino e l’albero della solidarietà

Comunicati stampa, News, Senza categoria    0 Commenti     8/12/2019

Come ormai da tradizione, l’8 dicembre dà il via alle feste a Cavriago: tutto il giorno si è svolto il mercatino di Natale organizzato dalla proloco con il Comune. E quest’anno l’appuntamento è stato arricchito da un evento eccezionale. E’ stato inaugurato l’albero della solidarietà interamente realizzato all’uncinetto grazie all’impegno di tutto il paese. Sono scesi in campo associazioni di volontariato, scuole, Comune, parrocchia, proloco, Casa protetta e tanti negozi e aziende per rendere speciale questo Natale.

L’albero è stato inaugurato contemporaneamente in 36 paesi. Quindi un filo di lana ha simbolicamente attraversato tutta Italia, da nord a sud. A partire da Trivento, nel Molise, comune capofila, per arrivare anche oltre confine, in Brasile. Nel reggiano e in genere in Emilia, l’unico albero alto sei metri interamente all’uncinetto (fatto da oltre 2mila “granny square”, i quadretti della nonna) è stato realizzato solo a Cavriago.

La sindaca Francesca Bedogni, durante il taglio del nastro, ha ringraziato tutti coloro che hanno reso possibile questa iniziativa: “Il Natale è sempre un momento speciale – ha sottolineato – per chi crede rappresenta la venuta di Gesù sulla terra, per tutti gli altri è comunque un momento da dedicare a chi si ama, per prendendosi il tempo che le relazioni richiedono per crescere. A Cavriago quest’anno il Natale è grande una comunità interaIl filo che ci unisce è sottile ma resistente e parte da Trivento. Non è un filo di lana ma è fatto della stessa sostanza di cui sono fatte le speranze: non sono quadrotti quelli che sono stati tessuti ma relazioni strette in un intreccio che ci restituisce l’immagine di ciò che siamo. Siamo di tanti colori perché se il mondo fosse di un solo colore sarebbe piatto: chi potrà eguagliarci? Siamo tutti diversi e ci stringiamo gli uni agli altri perché abbiamo bisogno di tutti: chi potrà farci paura? Tutti insieme siamo grandi ed imponenti, sostenuti da  un’anima d’acciaio, il cuore delle nostre volontarie e dei nostri volontari: chi potrà restare indietro? Siamo caldi come una coperta che abbraccia ed accoglie nel momento del bisogno: chi potrà mai sentirsi solo? Qui c’è posto per ognuno di noi, qui tutti hanno diritto di sentirsi finalmente a casa. Cavriago è casa e questo è davvero Natale. Ringrazio perciò tutto il paese e in particolare Federica Merli, la l’anima di ‘Un filo che unisce Cavriago’, davvero grazie di cuore”.

Ecco che durante la giornata si sono svolti momenti di intrattenimento, un babbo natale sui trampoli si è aggirato per il mercatino, ci sono state poi animazioni per i bambini. Questa giornata ha simbolicamente dato il via agli eventi natalizi a Cavriago. Il 13 dicembre, alle 21, nella chiesa di San Nicolò ci sarà il concerto gospel del coro Flipiti Flops; il 17 dicembre alle 21 nella chiesa di San Terenziano ci sarà il concerto di natale del Coro delle voci bianche dell’Istituto comprensivo Don Dossetti e del coro Città di Cavriago. Multisala Novecento propone il 31 dicembre alle 20.30 l’operetta “Scugnizza” del Teatro Musica Novecento e il 1° gennaio alle 15.30 l’Orchestra delle Terre Verdiane si esibirà nel Concerto di Capodanno con i più bei brani degli Strauss padre e figlio. Il centro cultura Multiplo sarà aperto eccezionalmente anche il 5 gennaio (chiuso solo il 24, 25, 26 e 31 dicembre e 1 gennaio); il 6 gennaio arriva la Befana al mattino al cinema Multisala Novecento e, all’imbrunire, si svolgerà il presepe vivente sul sagrato della chiesa di San Nicolò. E per tutte le feste si potranno ammirare gli addobbi creati dai bambini delle scuole: gli alberelli-mandala che strizzano l’occhio all’albero gigante, i balocchi posizionati sotto l’ex municipio e intorno all’albero. Non è tutto: i presepi allestiti nelle parrocchie vedono Gesù bambino coperto con una coperta patchwork; anche la Casa Protetta ha addobbi e alberi a tema.

(8/12/2019)

Torna all'inizio dei contenuti