Provincia di Reggio Emilia
accessibilità

Seguici:

ACAT Val d’Enza – Associazione dei Club Alcologici Territoriali

Senza categoria    0 Commenti     12/01/2019

Sede di Cavriago
via Paterlini, 21/A, presso i locali dell’ex Centro per le Famiglie
Referente: Sergio Zanini
Tel. 338 30.63.625
e-mail: acat.valdenza@gmail.com; zanini.sergio@libero.it
Gli incontri si tengono il lunedì dalle 21.00 alle 22.30.

Chi sono
L’associazione, fondata nel 2014, comprende 5 club (a Cavriago, Montecchio, Sant’Ilario, Campegine, Ciano d’Enza) costituiti da famiglie che s’incontrano una volta alla settimana, per iniziare e poi consolidare il cambiamento del proprio stile di vita e interrompere così comportamenti a rischio. Non sono associazioni chiuse, non sono isole, bensì porte aperte per tutti coloro che hanno questo problema.

Cosa fanno
L’associazione si occupa di una problemiatica molto attuale come quella della dipendenza dall’alcol.
I Club Alcologici Territoriali (CAT) offrono un metodo e consentono una forte esperienza di crescita e di miglioramento dello stile di vita personale, famigliare e comunitario. Sono costituiti da famiglie che s’incontrano una volta alla settimana, per iniziare e poi consolidare il cambiamento del proprio stile di vita e interrompere così comportamenti a rischio. Non sono associazioni chiuse, non sono isole, bensì porte aperte per tutti coloro che hanno questo problema.
Il Club ha un approccio “ecologico” e sociale rivolto alle famiglie.
I problemi legati all’alcol riguardano tutta la famiglia: infatti, il Club produce il massimo dei risultati quando è tutta la famiglia a frequentarlo, quando tutta la famiglia decide di mettersi in discussione e non solo una parte dei suoi membri.
Se la persona che frequenta il Club per vari motivi è solo, viene stimolata a ricucire rapporti o a creare nuove relazioni per uscire dall’isolamento e dalla solitudine.
Alla base dei Club, ci sono sempre la solidarietà e l’amicizia tra i suoi membri. Nell’incontro settimanale i partecipanti parlano, ascoltano, si mettono in discussione, si confrontano e si scambiano le proprie esperienze. Il Club è allora un punto di partenza, un riferimento costante per un cambiamento reale che deve avvenire nella vita di tutti i giorni, nella propria casa, sul posto di lavoro, nella propria comunità. Le famiglie del Club attraverso la testimonianza del loro cambiamento, contribuiscono a promuovere la salute nella propria comunità locale. Nel Club c’è la presenza di una persona formata, il servitore insegnante, che conosce i problemi alcol correlati e favorisce la comunicazione e l’interazione fra tutti i presenti. Nel Club si creano i presupposti per il cambiamento di stile di vita.

Torna all'inizio dei contenuti