Provincia di Reggio Emilia
accessibilità

Seguici:

Via x via

News, Sicurezza ed emergenza    0 Commenti     23/03/2021
Via x via

Come promesso da martedì 23 marzo 2021

  • verranno installati in 6 punti di via Rivasi cordoli divisori al centro e ai lati della strada, in modo da restringere la carreggiata e creare una separazione fisica tra ciclopedonale e corsia per le automobili allo scopo di portare gli automobilisti a rallentare in prossimità dei restringimenti.
  • verrà poi installata una nuova segnaletica orizzontale e verticale.
  • presso il Parco del Cerchio inoltre è stata completata l’illuminazione pubblica che affianca le ciclabili che arrivano a Roncaglio e, entro l’estate, è programmato anche il completamento della pavimentazione della ciclabile.

Questi interventi aiuteranno sicuramente a rendere via Rivasi più sicura ma la sicurezza dipende da tanti fattori, anche dalle nostre scelte.

installazione rallentatori via rivasi

Cosa può fare ciascuno di noi per PRENDERSI CURA DI VIA RIVASI E RENDERLA PIU’ SICURA?

  • Non accostiamo lungo la via occupando la pista ciclabile, non metteremo così in pericolo gli utenti più fragili della strada
  • Potiamo con attenzione le siepi dei nostri cortili: consentiremo buona visibilità agli automobilisti e collaboreremo alla protezione di ciclisti e pedoni
  • Se siamo clienti dei pubblici esercizi che si affacciano sulla strada, parcheggiamo negli stalli appositi: anche una sosta di pochi minuti, se non corretta, può essere fatale e sicuramente è un disagio per chi passa.

Alcuni dati su cui riflettere

Il tratto di via Rivasi su cui interverremo è lungo circa 850m: quando acceleriamo perché pensiamo di essere in ritardo o abbiamo fretta ricordiamo che percorrendo 850m a 50km/h impieghiamo 1 minuto, a 70 km/h 44 secondi, 16 secondi di differenza.

Ma, al contempo, mediamente lo spazio di frenata per un’auto che procede a 50 km/h è di 30 metri. Lo spazio di frenata per un’auto che procede a 70 km/h è di 49 metri.

Secondo alcuni studi, infine, un impatto tra un’auto e un pedone a 50 km/h equivale a una caduta da 9 metri di altezza, con una probabilità di morte pari al 55%. Un impatto a 70 km/h è invece fatale al 100%.

 

La storia del percorso

Giovedì 28 gennaio 2021 il Sindaco e gli assessori del Comune di Cavriago hanno incontrato i residenti di Via Rivasi Ovest (dall’incrocio della Castellina in direzione Barco) per presentare il progetto intervento per rallentare la velocità di percorrenza delle macchine sulla strada. Molti automobilisti che passano nella via, infatti, sembrano non rendersi conto di trovarsi in un’area residenziale in pieno centro abitato: per questo la proposta condivisa insieme agli abitanti è quella di inserire dei cordoli divisori al centro e ai lati della strada, in modo da restringere la carreggiata e costringere le auto a rallentare. Questi interventi non seguiranno tutto il percorso di via Rivasi, ma saranno posizionati in 6 punti a distanza di 100/150 metri l’uno dall’altro. Inoltre, verrà installata una nuova segnaletica orizzontale e verticale e l’Amministrazione si impegnerà nel promuovere un lavoro di comunità e sensibilizzazione che faciliti il rispetto delle regole di convivenza tra vicini di casa e fruitori dei servizi che si trovano nella zona.

 

Si è convenuto su questo tipo di intervento, in quanto è realizzabile in tempi rapidi, e permette di lasciare la via sgombra per i mezzi d’emergenza, dal momento che si tratta della principale via d’uscita dal paese in direzione dell’Ospedale di Montecchio. L’Amministrazione ringrazia gli abitanti per aver partecipato all’incontro, promuovendo un confronto serio e pacato, e per aver riportato il proprio punto di vista sulle problematiche della via.

I cordoli saranno installati entro la fine di Marzo, ma la discussione sul tema non si ferma qui. I cittadini hanno infatti continuato a confrontarsi e a proporre soluzioni anche nei giorni successivi all’assemblea, scrivendo sulla pagina Facebook del Comune. “Torneremo ad incontrarci a distanza di qualche tempo per monitorare come e se l’intervento ha funzionato, e per valutare la possibilità di adottare nuove misure.” Afferma la Sindaca. “È necessaria però la collaborazione di tutti. Approfittiamo di questa occasione per invitare tutti i cavriaghesi a prestare attenzione e moderare la velocità quando percorrono via Rivasi Ovest: si tratta di una zona che fa parte del centro abitato a tutti gli effetti, in cui risiedono molte famiglie, anziani e bambini che devono poter circolare in uno spazio sicuro.”

Sulla pagina Facebook del Comune la discussione è continuata nei giorni successivi all’assemblea pubblica: di seguito il post che risponde puntualmente alle domande a cura della Redazione social.

“Buongiorno a tutti, abbiamo atteso qualche giorno per raccogliere le diverse richieste di chiarimento sul progetto e poter dare una risposta unica con le informazioni più adeguate.
– L’immagine che abbiamo allegato al post è un fotomontaggio che deve solo dare un’idea di come sarà l’intervento, ma che non rappresenta perfettamente quello che sarà sia dal punto di vista delle dimensioni che da un punto di vista estetico.
– Il restringimento della carreggiata è stato progettato in modo da garantire comunque il passaggio di mezzi pesanti, di mezzi per lo spazzamento neve, e di mezzi di soccorso. Anzi, è proprio la presenza di questo tipo di veicoli che ci ha spinto a propendere per questa opzione, piuttosto che per l’installazione di dossi, che intralcerebbero il transito alle ambulanze in direzione dell’ospedale di Montecchio
– I cordoli non saranno installati lungo tutta la strada, ma solo in 6 punti, distanziati tra loro di 100/150 metri. Pertanto, nel caso in cui qualche mezzo dovesse sostare lungo la carreggiata, ci sarà lo spazio per superarlo in sicurezza.
– Abbiamo valutato possibili altri interventi, come l’installazione di autovelox o di un semaforo a rilevazione di velocità, ma la normativa nazionale non permette di poter fare sanzioni se questi strumenti si trovano in prossimità di incroci con altre vie. In altri termini, essendo via Rivasi una strada con molte laterali, non si potrebbero fare multe a chi infrangesse i limiti di velocità o a chi passasse con il semaforo rosso.
– All’incontro si è discusso anche della messa in sicurezza della pista ciclabile, è una segnalazione che accogliamo e valuteremo negli incontri di monitoraggio che faremo dopo l’intervento
– Per quanto riguarda la comunicazione dell’incontro online: abbiamo distribuito dei volantini cartacei in tutte le cassette della posta di via Rivasi Ovest (dall’incrocio della Castellina in direzione Barco) e nelle rispettive laterali, e abbiamo postato il volantino su Facebook. Si tratta dei due canali di informazione più potenti di cui disponiamo attualmente, ma se avete suggerimenti o preferenze su come essere contattati, potete scrivercele nei commenti o in chat privata
– Si tratta di un intervento molto poco costoso e poco invasivo, e soprattutto che non vuole essere definitivo. L’impegno che ci siamo presi all’incontro con i residenti è stato di incontrarci nuovamente dopo l’installazione dei cordoli per poterne monitorare il funzionamento e valutare se servirà cambiare strategia. Purtroppo sui social bisogna essere sintetici ed è difficile spiegare gli argomenti nel dettaglio. Ci rendiamo conto che le comunicazioni possono sembrare incomplete, per questo vi invitiamo a partecipare ai prossimi incontri! Vi ringraziamo per la partecipazione: Cavriago ha da sempre una cittadinanza molto attiva e attenta, che ci stimola a lavorare meglio e di più. A presto!”

 

Che cosa è Via x via

Via x via è una nuova modalità di interazione con i cittadini che il Comune di Cavriago intende promuovere da qui in avanti”, spiega l’assessore Luca Brami. L’amministrazione, infatti, sta  lavorando alla realizzazione di incontri in aree del paese, con l’obiettivo di incontrare i cittadini via per via, per poter coinvolgerli nel prendere delle scelte che riguardano la loro zona di residenza. “La politica – prosegue Brami – viene spesso accusata di essere troppo distante e chiusa nelle stanze del potere. Con questo progetto vogliamo far sentire l’amministrazione più vicina ai cittadini, attraverso il coinvolgimento attivo e l’incontro: andiamo nelle strade, nelle piazze con soluzioni, proposte e le discutiamo insieme a chi quella strada o quella piazza la abita, favorendo la creazione di relazioni e lo sviluppo di comunità”.

È importante per l’amministrazione riprendere un contatto diretto con la cittadinanza dopo mesi di lockdown, ma è altrettanto importante fare in modo che i vicini di casa inizino a rivedersi e parlarsi. All’incontro in Viale Roma alcuni residenti hanno affermato di essersi conosciuti in questa occasione per la prima volta: “È evidente come il valore aggiunto di un’iniziativa come ‘Via X Via’ è anche quello di creare nuovi legami che rafforzano il tessuto sociale del paese”, conclude Brami.

Dopo l’incontro di luglio 2020 in via Roma, ora è il momento di via Rivasi.

Il Comunicato stampa su via Roma – luglio 2020

Torna all'inizio dei contenuti