Provincia di Reggio Emilia
accessibilità

Seguici:

Oltre 400 “mistery box” per bambini e ragazzi della Val d’Enza

Comunicati stampa, News, Servizi Sociali    0 Commenti     4/06/2020

Diversi bambini e ragazzi della Val d’Enza hanno ricevuto in regalo in questi giorni delle “Mistery box”, cioè delle scatole contenenti  materiale per attività grafiche, manuali, narrative, motorie ed espressive. Il tutto grazie a un progetto pensato da Unione Val d’Enza e Asp Carlo Sartori Sartori in collaborazione con la Cooperative Creativ-Cise.

L’intento del progetto è raggiungere e sostenere le famiglie conosciute dai servizi che, in questo periodo di emergenza sanitaria, nel rispettare l’isolamento sociale e la chiusura delle scuole, hanno fatto fronte a bisogni dei loro figli “fuori dall’ordinario”. In totale sono stati consegnati dagli educatori di Creativ e dalle assistenti sociali del Servizio Famiglie ed Infanzia, oltre quattrocento scatole piene di materiale didattico, cancelleria, colori, quaderni e libri, giochi. Le scatole sono state personalizzate a seconda dei destinatari (bimbi piccoli, in età scolare, adolescenti)  in tutti gli otto Comuni afferenti all’Unione Val D’Enza, anche per favorire opportunità di contrasto al divario digitale che la pandemia sta comportando.

Il progetto è finanziato dall’Unione, da Asp e da varie associazioni di volontariato, a questi si aggiunge il prezioso contributo dello scatolificio Me-Cart, che ha donato le scatole che contengono il materiale, Coopalleanza 3-0, Realco e tante piccole associazioni e volontari che, con entusiasmo, hanno aderito all’iniziativa.

“Le nostre operatrici ed i nostri operatori hanno lavorato con il cuore a questo progetto è diventato realtà anche grazie ai diversi sponsor  – sottolinea la sindaca di Cavriago Francesca Bedogni con delega al sociale in Unione Val d’Enza -. Il senso di questo gesto è la vicinanza che abbiamo voluto testimoniare ai bambini così duramente colpiti da questo lungo periodo di isolamento. È il valore della gratuità che genera opportunità ed emozioni”.

Torna all'inizio dei contenuti