Provincia di Reggio Emilia
accessibilità

Seguici:

Artoteca Off: Luca Pasqualini – Incisioni

    0 Commenti     5/08/2020

Dettaglio eventi

Data:
Luogo: Multiplo Centro Cultura Cavriago
Categorie: , ,
Tag: ,

Dal 20 agosto al 20 novembre 2020, nello spazio espositivo di Artoteca presso Multisala Novecento.

La mostra è visitabile gratuitamente negli orari di apertura del Multisala.

Xilografie di Luca Pasqualini stampate dal Laboratorio F.lli Manfredi

LUCA PASQUALINI
Luca Pasqualini, nasce a Legnago (VR) nel 1982, si diploma presso l’Istituto d’arte G. Chierici (RE). Lavora nel restauro, incide e stampa presso il Laboratorio F.lli Manfredi di Reggio Emilia. Partecipa con due opere all’Almanacco di Italia Nostra, 2013.
Premiato presso il museo La Permanente di Milano per la grafica degli 80 anni della Moka Bialetti, 2013. Espone presso Arci (Re) Pasqualini Incisioni, 2013. A palazzo Bentivoglio (Gualtieri, Re) Game e Play, 2014. Partecipa a “Mantova Creativa” con una Xilografia ed una matrice scultura, 2014. Presenta Il mio bestiario nella serra dell’Atelier di Anna Baldi (Re), 2014.
Protagonista di Brac’s Art on Table presso la libreria Brac di Firenze, 2015. È presente nel catalogo “Arte in arti e mestieri, 2015”, Suzzara (Mn). Presenta il Papyrus Pascalini, Mavida Edizioni, durante l’evento Fare Libri, Palazzo Casotti
(Re), 2015. Con Interno3 nasce il progetto Vegaglifi (Re), 2016. Ha ideato il logo “Casa delle Sementi” (Re), 2017. Espone presso Interno3 Faccia a faccia, 2019. Realizza la grafica Vis à vis, per il Comune di Cavriago, 2020. Vive ed opera a Cavriago.
Per saperne di più: Instagram @pasqualini.luca

Entrando alla Kunstgewerbeschule.
Se dovessi rispondere alla domanda quando ho conosciuto Luca Pasqualini e iniziato a stamparne le xilografie, risponderei: un secolo fa, a Weimar, entrava nella Kunstgewerbeschule per andare a lezione da Schlemmer. Veniva da Milano, dove aveva
appena conosciuto Depero alla mostra dei futuristi…
Ma nel corso del secolo Pasqualini ha guardato molto altro attorno a sé, sintetizzando uno stile compositivo che trova nel gioco tra forme geometrizzanti e colore la propria essenza. Una figurazione arcaica e contemporanea insieme, volti, animali, oggetti tradotti sulla carta con l’uso esclusivo della tecnica xilografica, ulteriore singolarissima caratteristica di questo interessante giovane artista.
Nicola Arnoldo Manfredi

 

Torna all'inizio dei contenuti