Provincia di Reggio Emilia
accessibilità

Seguici:

Artoteca Off, in mostra fino al 19 marzo le opere di Giuseppe Vitale

Comunicati stampa, News    0 Commenti     8/01/2019

Prende il via domani, mercoledì 9 gennaio, e resterà aperta fino al 19 marzo, la mostra “Tutto nasce da un disegno” dedicata a Giuseppe Vitale. Allestita al primo piano del cinema Multisala Novecento (via del Cristo 5), nello spazio ribattezzato Artoteca Off, rende appunto omaggio all’illustratore e atelierista, autore degli albi illustrati “Cesare porta gli occhiali” e “Becco d’aquila” (Ediz. Libre) e partner dell’Artoteca del centro cultura Multiplo dal 2014.

In mostra ci sono diverse tavole originali di Giuseppe Vitale tratte da albi illustrati, copertine e pubblicazioni del periodo che va dal 2011 al 2018.

Giuseppe Vitale è un giovane illustratore che dichiara di aver iniziato “a disegnare a circa due anni, usando il disegno come una lingua da parlare, tra neologismi e strafalcioni”. A dire il vero, nelle sue illustrazioni non vi è nemmeno l’ombra di uno strafalcione: la sua opera si caratterizza anzi per un’abilità nel disegno davvero rara e per un utilizzo del colore estremamente espressivo e coinvolgente. Ad attirare l’attenzione di grandi e piccini nelle sue opere è soprattutto la capacità di inserire in ogni disegno segni minimi dal significato profondo.

La mostra è visitabile gratuitamente durante gli orari di apertura di Multisala Novecento (info: www.multisala900.it; 0522/372015). Al termine dell’esposizione alcune delle illustrazioni saranno disponibili per il prestito gratuito presso l’Artoteca del Multiplo, in via Repubblica 23.

Si ricorda che l’Artoteca di Cavriago è stata la prima ad aprire in Italia, in forma pubblica e gratuita, nel 2011. Si tratta di una proposta innovativa: molto diffusa in Francia, Germania e nei Paesi del Nord Europa, l’artoteca di fatto è un modo semplice e gratuito per avvicinare chiunque al mondo dell’arte. Infatti l’Artoteca di Cavriago è collocata e gestita dentro il centro cultura Multiplo di proprietà Comunale e permette a chiunque di prendere a prestito gratis un’opera d’arte, così come avviene per i libri, i cd, i dvd, i giochi, i videogiochi.

Per 45 giorni chiunque – che si tratti di un appassionato di arte, del titolare di un’azienda, del proprietario di uno studio medico o di una persona che ha voglia di mettersi in casa un quadro di un nome importante – può appendere al chiodo un’opera. In questo modo, di fatto, grazie all’Artoteca, l’arte esce dai soliti spazi istituzionali (musei, gallerie d’arte, ecc.) e diventa alla portata di tutti.

(8/01/2019)

Torna all'inizio dei contenuti