Vai all'homepage Vai alla pagina della mappa del sito Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito Vai alla pagina della guida e dichiarazione di accessibilità Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Home>Il Comune
  • bandiera scelta.jpg

23 marzo 2018 - 158^ Anniversario della nascita del Comune di Cavriago

"Il 23 marzo del 1860 l’Intendenza generale di Reggio Emilia nomina l’avvocato Luigi Fratti  sindaco di Cavriago. E’ l’atto ufficiale di nascita del Comune nella sua attuale configurazione territoriale e giuridica.  E nella stessa data si riunì per la prima volta il Consiglio comunale.

Era l’atto conclusivo del Risorgimento a Cavriago.

Questo atto era stato preceduto da altri passaggi storici: l’11 giugno 1859 il duca di Modena e Reggio Francesco V d’Este lasciò la capitale del ducato. Per i territori di Modena e Reggio venne nominato un dittatore, Luigi Carlo Farini ed il 29 luglio 1859 la Commissione comunitativa e i comandanti della Guardia Nazionale del Comune di Montecchio chiedono di essere aggregati al Regno di Sardegna  sotto il “nostro” re Vittorio Emanuele II. Il 4 dicembre 1859 il dittatore Farini  emanava un decreto con il quale ridefiniva le circoscrizioni dei comuni della Provincia di Reggio Emilia. Il Comune di Montecchio perdeva le sue frazioni. Diventavano comuni autonomi S.Ilario con la frazione di Calerno, Bibbiano con la frazione di Barco, e Cavriago.

Il 10 maggio 1860 si riunisce la Giunta municipale. In calce al verbale compare per la prima volta il timbro del Comune con lo stemma del notaio e commissario del Comune negli anni ’80 del seicento, Cristoforo Montipò. Questi aveva collocato nell’edificio dove risiedeva, quello che diventerà poi il Municipio in piazza Zanti, il suo sigillo notarile, un leone rampante posto su tre monti. I primi amministratori videro questo stemma e lo adottarono come emblema del Comune.

Nel corso dei decenni lo stemma del Comune si è arricchito di particolari, come la corona, il cigno che al di sopra della corona  è progressivamente aumentato di dimensioni, altri fregi.

Abbiamo pensato fosse giunto il momento di ripulirlo, di semplificarlo, di riportarlo alla semplicità dello stemma originario. Facendo emergere l’elemento centrale e distintivo della storia del nostro stemma: il leone rampante. Che credo caratterizzi la storia e le vicende della nostra comunità: la forza, il coraggio, la fierezza, lo spirito di libertà e giustizia. Una storia che dobbiamo rendere sempre attuale.

Accanto a questo aggiornamento dello stemma del Comune abbiamo voluto fare per la prima volta , e la presentiamo in questa occasione, la bandiera del Comune. Girando per la regione e nel paese in questi anni da amministratore, molte volte mi sono chiesto perché a Cavriago non avevamo una nostra bandiera. Che simboleggiasse l’appartenenza ad una comunità, ad una storia, ad un territorio ben preciso. Anche quando giocavo a calcio mi chiedevo perché non avessimo dei nostri colori, come in altri comuni, invece di cambiarli a seconda dello sponsor o delle simpatie dei dirigenti per certi colori. Uno dei motivi è che non ci sono storicamente dei colori di Cavriago. Nelle numerose ricerche che sono state fatte sulla nostra storia ( a questo proposito volevo ringraziare il prof.Alberto Cadoppi per il libro “Corviaco. Storia di Cavriago dalle origini all’Unità d’Italia”  che ha scritto in occasione del 150° anniversario della nascita del Comune nel 2010, e Rudi Iemmi per le sue ricerche proprio sullo stemma ) sono comparsi gli stemmi delle famiglie nobiliari , feudatari di Cavriago; è stato fatto il gonfalone del Comune con lo stemma ma con un fondo di colore neutro ( l’azzurro) senza definire dei colori del Comune.

Abbiamo scelto per la nostra bandiera due colori che sono stati per molti anni i colori della Polisportiva cavriaghese, e che ricorrono soprattutto in alcuni momenti della storia recente della comunità: il giallo ed il verde. Colori vivi, legati alla terra, colori carichi di speranza, che ci parlano di vita, di raccolti, di operosità.

Vi presentiamo così in occasione del 158° anniversario della nascita del Comune la nostra bandiera ufficiale. Che sia segno di una comunità unita, di una comunità che non dimentica la sua storia, di una comunità che guarda al futuro senza paure, sempre fiera della propria appartenenza ma aperta al mondo."

Paolo Burani, Sindaco di Cavriago

Allegati

Immagini

  • la bandiera del Comune