Vai all'homepage Vai alla pagina della mappa del sito Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito Vai alla pagina della guida e dichiarazione di accessibilità Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Home>Canali tematici>Protezione Civile

Come prevenire i rischi in caso di temporali, fulmini, grandinate, raffiche di vento, trombe d'aria

I temporali sono fenomeni intensi, spesso rapidi e improvvisi, che si sviluppano con più frequenza tra i mesi di aprile e ottobre.
Ad essi possono essere associati forti piogge, grandinate, fulmini, raffiche di vento. Alcuni temporali possono dare luogo a trombe d'aria.
per prevenire i rischi associati ai temporali ti consigliamo di leggere con attenzione queste norme di comportamento.
Sapere in anticipo cosa fare, se ti trovi in mezzo ad un temporale, può aiutarti e farti sentire più tranquillo e preparato.

PRIMA
Se hai programmato una gita o qualsiasi altra attività all'aperto, informati sulle condizioni del tempo. 
I temporali sono difficilmente prevedibili, ma nei bollettini meteo sono indicate le condizioni favorevoli al loro sviluppo.
Ogni giorno sul sito di Arpa Emilia-Romagna (www.arpa.emr.it) puoi trovare le previsioni meteo  (www.arpa.emr.it/sim/), il Bollettino di vigilanza e l'Avviso di cricità che ti avvertono di eventuali pericoli (http://www.arpa.emr.it/sim/external/centrofunz/ultimo_bollettino-avviso.php) e le mappe dei due radar meteo, che segnalano l'eventuale presenza di precipitazioni sul territorio regionale (http://www.arpa.emr.it/sim/?osservazioni_e_dati/radar).

Se le previsioni meteo indicano maltempo, presta attenzione alle Allerte emesse dall'Agenzia regionale di protezione civile, consultabili sul sito (http://www.protezionecivile.emilia-romagna.it/ultimiavvisi) e diffuse dai mezzi di informazione.

Se sei all'aperto e vedi lampi, soprattutto alla sera, il temporale può essere ancora lontano, anche decine di chilometri.
Se senti i tuoni, il temporale è invece a pochi chilometri: allontanati velocemente.

QUANDO ARRIVA IL TEMPORALE

  • se sei all'aperto evita di sostare vicino ad un torrente o a un corso d'acqua, anche se è in secca: in caso di pioggia intensa si può rapidamente ingrossare.
  • se sei in automobile non sostare sui ponti, limita la velocità, e appena possibile fai una sosta in attesa che la fase più intensa del temporale, che difficilmente dura più di mezz'ora, si attenui. Piogge intense possono provocare frane, colate di fango e smottamenti che potrebbero raggiungere la strada che stai percorrendo. Ricorda anche che il temporale potrebbe essere associato a grandine, con chicchi di ghiaccio che possono raggiungere anche dimensioni ragguardevoli, capaci di danneggiare le lamiere di un'automobile e di mettere a rischio la tua incolumità.
    Se la strada è già allagata, non fermarti e cerca di raggiungere, sempre a velocità moderata, un luogo sicuro dove sostare.
  •  in città in caso di temporale in corso o appena avvenuto, non entrare in auto in un sottopasso se non hai la certezza che sia sgombro dall'acqua. E ricorda che anche poche decine di centimetri d'acqua possono costituire un grave pericolo.
  • evita di sostare in scantinati, seminterrati, piani bassi, garage, a forte rischio di allagamento durante intensi scrosci di pioggia.

FULMINI
se sei all'interno di una struttura o in auto non uscire;
se sei all'aperto non sostare accanto alle auto e cerca un riparo, camminando a passi brevi.

  • All'aperto
    stai lontano dai tronchi degli alberi più alti e non ripararti sotto alberi isolati;
    togliti di dosso oggetti metallici (orologi, braccialetti, anelli, collane, orecchini e monili), che possono causare bruciature;
    non usare il telefono cellulare o altri apparecchi a radiofrequenza;
    liberati da ombrelli e allontanati da pali, campanili, tetti, tralicci, gru, cime, antenne, alberi di metallo di una barca;
    resta lontano anche dai tralicci dell'alta tensione, attraverso i quali i fulmini - attirati dai cavi elettrici - rischiano di scaricarsi a terra;
    non accendere fuochi perchè il calore svolge una forte funzione catalizzatrice.
  • Al mare o al lago esci immediatamente dall'acqua e allontanati dalla riva, così come dal bordo di una piscina all'aperto, liberati di ombrelli, ombrelloni, canne da pesca e qualsiasi altro oggetto appuntito di medie o grandi dimensioni.
  • In montagna liberati di eventuali piccozze o sci, allontanati dai percorsi attrezzati con funi e scale metalliche e scendi di quota, evitando di rimanere sui punti esposti come creste o vette e cerca riparo all'interno dell'automobile oppure all'interno di una grotta, di una costruzione o anche di un bivacco, una cappella o un fienile, sempre mantenendo una certa distanza dalle pareti; stai accovacciato a piedi uniti oppure seduto sullo zaino, non sdraiarti o sederti per terra; se siete in gruppo non tenetevi per mano, ma rimanete distanti una decina di metri l'uno dall'altro.
  • In campeggio sosta in una struttura in muratura, per esempio i servizi del camping. 
    Se ti trovi in tenda: non toccare le strutture metalliche e le pareti ed evita qualsiasi contatto con oggetti metallici collegati all'impianto elettrico (es. condizionatori): se riesci, togli l'alimentazione a tutte le apparecchiature elettriche.
  • In casa non utilizzare apparecchiature collegate alla rete elettrica e il telefono fisso.
    Lascia spenti televisore, computer, asciugacapelli, ferro da stiro ed elettrodomestici (staccando spine e antenne); 
    non toccare gli elementi metallici collegati all'esterno, come condutture, tubature, caloriferi ed impianto elettrico; 
    evita ogni contatto con l'acqua;
    non sostare sotto tettoie e balconi, riparati invece all'interno della casa mantenendoti a distanza dalle pareti e da porte e finestre, assicurandoti che siano chiuse.
  • Alla guida resta con i finestrini chiusi e l'antenna della radio staccata o almeno abbassata, ed evita di toccare parti metalliche.

ricorda
se una persona viene colpita da un fulmine non rimane carica elettricamente e non è quindi rischioso prestarle soccorso, ad esempio con la respirazione bocca a bocca e il massaggio cardiaco. L'80% delle persone colpite da un fulmine sopravvive se viene soccorsa tempestivamente.

RAFFICHE DI VENTO

  • All'aperto allontanati da aree verdi, strade alberate e da tutte le strutture all'aperto, come tensostrutture, impalcature, gazebo, strutture espositive o commerciali, pubblicitarie.
  • In montagna non utilizzare gli impianti di risalita, perchè potrebbero verificarsi interruzioni nel funzionamento.
  • Al mare evita di sostare lungo il litorale, su moli e pontili; il vento può provocare improvvise mareggiate. Evita di nuotare o uscire in barca.
  • Alla guida fai una sosta o comunque modera la velocità; stai particolarmente attento sui viadotti e all'uscita dalle gallerie, soprattutto se sei al volante di furgoni, mezzi telonati, autocaravan o roulotte.
  • In casa o sul posto di lavoro stai lontano da finestre e vetrate; sistema e fissa tutti gli oggetti nelle aree esposte al vento che rischiano di essere trasportati dalle raffiche (vasi ed altri oggetti su davanzali o balconi, antenne o coperture / rivestimenti di tetti sistemati in modo precario, ecc.)

TROMBE D'ARIA
Le trombe d'aria sono molto pericolose per l'elevata velocità dei loro venti, che possono danneggiare edifici, rompere vetri, scoperchiare tetti, distorcere tralicci dell'alta tensione, sradicare alberi. Il materiale risucchiato dalla tromba d'aria, una volta esaurita la spinta ascensionale, ricade a terra anche a notevole distanza, mettendo a rischio la vita delle persone.

Norme di comportamento generali:

  • allontanati da finestre e vetrate;
  • non rifugiarti in mansarda perchè il tetto può essere divelto dalla furia del vento;
  • fermati ai piani più bassi;
  • stacca luce e gas per evitare cortocircuiti e perdite di gas, per i danni provocati dal vento;
  • non ripararti a ridosso dei muri perimetrali di case o strade perchè possono crollare sotto la spinta del vento;
  • abbandona auto o roulotte, perchè possono essere trascinate via dal vento;
  • se non trovi un rifugio adatto, distenditi supino a terra, negli avvallamenti del terreno.

Allegati