Vai all'homepage Vai alla pagina della mappa del sito Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito Vai alla pagina della guida e dichiarazione di accessibilità Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Home>Canali tematici>Lotta al gioco d'azzardo

Otto bar pasticcerie gelaterie «slotfree»

Il sindaco Burani e l’assessore Toni hanno consegnato la vetrofania agli esercenti che hanno aderito alla campagna contro la diffusione dei giochi. Gli esercizi commerciali beneficiano di uno «sconto» sulla Tariffa Rifiuti

Cavriago, 20 giugno 2016 - Il sindaco Paolo Burani e l’assessore alle Attività produttive, Vania Toni, hanno consegnato nella mattinata di sabato ai titolari degli otto bar e pasticcerie che hanno dichiarato di non aver installato, di non installare o di aver disinstallato video poker, slot machine, videolottery e altri apparecchi con vincita in denaro le vetrofanie con il marchio «SlotfreeER Dove il gioco non c’è si vive meglio». Le vetrofanie saranno applicate sulle vetrine dei negozi. L’iniziativa ha un valore etico, testimonia che gli esercenti hanno aderito alla campagna contro la diffusione dei giochi che possono dar luogo a problemi di dipendenza.

Gli otto esercizi commerciali che hanno aderito al progetto Slotfree sono: cafetteria PIAZZA ZANTI, bar pasticceria ROSSANA, bar PANTAGRUEL, MATILDA Café, Gelateria K2, bar la PERLA, bar pasticceria CARAMELIA, bar IVI.

Essi beneficiano di una riduzione del 25 % sulla parte variabile della TARI (tariffa sui rifiuti), in base al regolamento comunale per la disciplina della tassa rifiuti approvato dal Consiglio comunale nel luglio 2015, che prevede – tra l’altro -   di applicare lo «sconto» ai soggetti che esercitano a titolo principale attività di bar o attività di commercio al dettaglio di prodotti del tabacco i quali dichiarano al Comune di non avere installato, di non installare o di aver disinstallato apparecchi di video poker, slot machine, videolottery o altri apparecchi con vincita in denaro. La riduzione è concessa annualmente dietro presentazione di una dichiarazione della sussistenza dei requisiti slotfree, da presentare al Comune entro il 31 agosto, a pena di decadenza; in caso di disinstallazione, la riduzione decorre dalla data di effettiva rimozione degli apparecchi.

«Ringraziamo gli esercizi che hanno aderito all'iniziativa e confidiamo in una sempre maggiore adesione, presa di coscienza e impegno da parte di ognuno, nel contrasto al gioco d'azzardo» sottolineano il sindaco Burani e l’assessore Toni.

Allegati

Immagini