Vai all'homepage Vai alla pagina della mappa del sito Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito Vai alla pagina della guida e dichiarazione di accessibilità Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina

IMU 2017

Acconto entro il 16 giugno 2017 - Saldo entro il 16 dicembre 2017

Per l'anno 2017, con delibera di Consiglio Comunale n. 10 del 20/03/2017, sono state confermate le aliquote e le detrazioni in vigore nell'anno 2016.

 

Aliquota 10,3 per mille

 

CHI DEVE PAGARE:

-        Terreni agricoli non condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali iscritti nella          previdenza agricola

-        Aree edificabili

-        Altri Immobili  

 

CHI NON DEVE PAGARE:

L’Imposta municipale propria (IMU) non è più dovuta per :

-          Abitazione principale classificata in una delle categorie catastali A/2, A/3, A/4, A/5, A/6 e A/7 e relative pertinenze (nella misura massima di una unità pertinenziale per ciascuna delle categorie catastali C/2, C/6 e C/7)

-          L’unità immobiliare, purchè non locata, comprese le relative pertinenze posseduta da anziani o disabili che acquistano la residenza in istituti di ricovero o sanitari a seguito di ricovero permanente;

-          una ed una sola unità immobiliare, posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’anagrafe degli italiani residenti all’estero AIRE, già pensionati nei rispettivi paesi di residenza, a titolo di proprietà o usufrutto in Italia, a condizione che la stessa non risulti locata o data in comodato d’uso.

-          La casa coniugale e relative pertinenze assegnata al coniuge, a seguito di provvedimento di separazione legale, annullamento, scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio;

-          Le unità appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa, adibite ad abitazione principale e relative pertinenze dei soci assegnatari, ivi incluse le unità immobiliari appartenenti alle cooperative edilizie a proprietà indivisa destinate a studenti universitari soci assegnatari, anche in deroga al richiesto requisito della residenza anagrafica.

-          Fabbricati di civile abitazione destinati ad alloggi sociali come definiti dal decreto del Ministro delle Infrastrutture 22 aprile 2008;

-          Fabbricati rurali ad uso strumentali

-          Fabbricati costruiti e destinati dall’impresa costruttrice alla vendita fintanto che permane tale condizione e che non siano, in ogni caso, locati;

-          i terreni agricoli, anche se incolti, posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali (IAP), iscritti alla previdenza agricola.

-          L’unico immobile, iscritto o iscrivibile nel catasto edilizio urbano come unica unità immobiliare, posseduto e non concesso in locazione, dal personale in servizio permanente appartenente alle Forze armate e alle forze di polizia ad ordinamento militare e da quello dipendente dalle forze di polizia ad ordinamento civile, nonché dal personale del corpo nazionale dei vigili del fuoco e dal personale appartenente alla carriera prefettizia, per il quale non sono state richieste le condizioni della dimora abituale e della residenza anagrafica.

 

AGEVOLAZIONI E RIDUZIONI

 

Agevolazioni:

Per  immobili locali a canone concordato (Legge 431/1998) l’IMU è calcolata applicando l’aliquota comunale ridotta al 75%.

 

Riduzioni:

Per le abitazioni concesse in comodato a parenti in linea retta di 1 grado, è concessa una riduzione al 50% della base imponibile, a condizione che:

-          il contratto sia registrato

-          il comodante possieda un solo immobile in Italia e risieda anagraficamente nello stesso Comune in cui è situato l’immobile concesso in comodato. Il beneficio si applica anche nel caso in cui il comodante oltre all’immobile concesso in comodato possieda nello stesso Comune un altro immobile adibito ad abitazione principale.

Per entrambe le casistiche, deve essere presentata la dichiarazione IMU come previsto dall’Art. 9 comma 6 del D.Lgs  n. 23 del 14/03/2011, entro il 30/06/2017.

 

VERSAMENTO IMU 2017

L’IMU dovuta per tutti gli immobili diversi dalla categoria D va destinata interamente al Comune.

Per gli immobili della categoria D l’imposta va suddivisa tra Stato e Comune nel seguente modo:

-          allo Stato spetta l’IMU calcolata con aliquota standard del 7,6 per mille

-          al Comune spetta l’IMU calcolata con aliquota del 2,7 per mille.

 

Gli immobili di categoria D10, se rurali in quanto strumentali all’attività agricola, sono esenti dall’IMU.

 

CODICI TRIBUTO DA UTILIZZARE PER IL VERSAMENTO IMU 2016 CON MODELLO F24

 Codice Comune: C405

3914: terreni agricoli (Comune)

3916: Aree edificabili (Comune)

3918: Altri fabbricati  (Comune) (escluse categorie D)

3925: Immobili produttivi gruppo catastale D (quota Stato) aliquota 7,6 per mille

3930: Immobili produttivi gruppo catastale D (quota Comune) aliquota 2,7 per mille.

 

NB: il versamento non è dovuto per importi inferiori a € 2,00 di imposta annua.

 

Per il calcolo dell’IMU e per la stampa dell’F24 da utilizzare per il versamento è possibile utilizzare il servizio di calcolo on-line.

 

 

Per i cittadini italiani residenti all’estero il versamento dovrà essere effettuato con bonifico bancario utilizzando le seguenti coordinate:

IT35G0200866290000100362371

Codice BIC SWIFT: UNCRITM1V26



Funzionario Responsabile

Rag. Simonetta Gualerzi

 

Per informazioni

Servizio Tributi
Piazza Don Dossetti, 1
Tel: 0522 373.427 – 0522 373.428
Fax: 0522 575.537
dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 13.00
giovedì dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 18.00
giugno, luglio, agosto: dal lunedì al sabato dalle 9.00 alle 13.00
e-mail: tributi@comune.cavriago.re.it

 

Per maggiori dettagli consultare la sezione dedicata.