Vai all'homepage Vai alla pagina della mappa del sito Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito Vai alla pagina della guida e dichiarazione di accessibilità Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Home>Canali tematici>Lavoro e impresa>Commercio

Somministrazione alimenti e bevande presso circoli privati

Non è considerata commerciale l'attività di somministrazione di cibi e bevande svolta nei circoli privati nei confronti degli associati o partecipanti, in conformità alle finalità istituzionali, dalle associazioni, dai consorzi e dagli altri enti non commerciali di tipo associativo.
Con specifico riguardo ai circoli aderenti ad organizzazioni nazionali riconosciute dal Ministero dell'interno, tale attività è subordinata alla presentazione al Comune SCIA, che comporta anche gli effetti dell'autorizzazione cd. "di pubblica sicurezza" richiesta per gli esercenti lo spaccio di alcolici (art. 4 D.M. n. 235/2001).

Per quanto riguarda i requisiti igienico- sanitari alimentari, deve essere presentata apposita notifica sanitaria direttamente all'Azienda USL competente.

 

  • D.P.R. n. 235/2001;
    T.U.L.P.S. n. 773/1931;
    R.D. n. 635/1940 e s.m.i;
    D.M. n. 564/1992.
  • Sportello Unico Attività Produttive.
  • Si vedano eventuali indicazioni all'interno del modulo in SuapER.
  • Per il Comune di Cavriago si utilizza la modulistica unificata approvata con Delibera di Giunta Regionale 921 del 28/6/17.

    La modulistica costantemente aggiornata è accessibile tramite il portale regionale, che dovrà obbligatoriamente essere utilizzato per la presentazione delle pratiche: https://accessounitario.lepida.it/suaper-fe/#/AreaPersonale

  • Sportello Unico Attività Produttive
    Piazza Don Dossetti, 1
    Tel: 0522 373.429
    Fax: 0522 575.537
    lunedì, mercoledì e venerdì dalle 10.00 alle 13.00
    martedì, giovedì e sabato su appuntamento
    e-mail: suap@comune.cavriago.re.it
  • L'attività può iniziare dopo 60 giorni dalla presentazione della SCIA.
    Si applica il silenzio assenso.
  • Ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR).
  • Segretario Comunale, individuato quale titolare del potere sostitutivo con deliberazione di Giunta comunale n. 50 del 28/06/2016.

Allegati