Vai all'homepage Vai alla pagina della mappa del sito Vai alla pagina del motore di ricerca interna al sito Vai alla pagina della guida e dichiarazione di accessibilità Vai all'inizio della pagina

Vai all'inizio della pagina
Home>Canali tematici>Lavoro e impresa>Commercio

Esercizio di vicinato - Apertura, Variazione, Trasferimento, Cessazione

Chi desidera aprire un esercizio di vicinato (negozio con superficie inferiore a 150 mq), trasferirne la sede, variarne il settore merceologico o la superficie di vendita, deve presentare al Comune in cui ha sede l'attività (o in cui la si intende stabilire) una SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività).

L'apertura, il subingresso e ogni variazione di sede o settore merceologico  devono essere comunicati al Comune di competenza dal titolare o dal legale rappresentante dell’azienda in possesso dei requisiti morali e, solo per il settore alimentare, professionali indicati nell'art. 5 del D.lgs. 114/98.

 

  • Decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 114.
  • Sportello Unico Attività Produttive.
  • Si vedano eventuali indicazioni all'interno del modulo in SuapER.
  • Per il Comune di Cavriago si utilizza la modulistica unificata approvata con Delibera di Giunta Regionale 921 del 28/6/17.

    La modulistica costantemente aggiornata è accessibile tramite il portale regionale, che dovrà obbligatoriamente essere utilizzato per la presentazione delle pratiche: https://accessounitario.lepida.it/suaper-fe/#/AreaPersonale

  • Sportello Unico Attività Produttive
    Piazza Don Dossetti, 1
    Tel: 0522 373.429
    Fax: 0522 575.537
    lunedì e venerdì dalle 10.00 alle 13.00 su appuntamento;
    mercoledì dalle 10.00 alle 13.00 con accesso libero
    e-mail: suap@comune.cavriago.re.it
  • La comunicazione deve essere presentata almeno 30 giorni prima dell’inizio dell’attività.
    Il Comune provvede a rilasciare una ricevuta comprovante il ricevimento della comunicazione.
  • Ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale (TAR).
  • Segretario Comunale, individuato quale titolare del potere sostitutivo con deliberazione di Giunta comunale n. 50 del 28/06/2016.

Maggiori Informazioni

NoteSanzione amministrativa da euro 2582.29 a euro 15493.71 per chi omette la comunicazione o inizi l'attività prima dei 30 gg. dalla comunicazione stessa. Sanzione penale prevista dall'art. 76 del D.lgs. 28.12.2000, n. 445 per dichiarazioni mendaci, falsità di atti e uso di atti falsi.

Allegati